Home Sant’elisabetta 2018
Distribuiva con larghezza i doni della sua beneficenza

Carissimi fratelli e sorelle
La pace del Signore sia su di voi!
Oggi la Chiesa ci offre la gioia di ricordare la figura di Elisabetta , esempio di santità e di umiltà.
Elisabetta è la donna della provvidenza, poiché si pone nel piano dell’amore di Dio e dona la sua esperienza con Dio come polvere di carità da seminare nel cuore dei fratelli.

Elisabetta è la donna della fede, come incontro e abbraccio del suo Dio attraverso le povertà dell’umanità ponendosi accanto ad ogni uomo piagato nel corpo e nello spirito e versa sulle sue ferite l’olio della consolazione e il vino della speranza.

Elisabetta è la donna della luce che come lampada della carità di Dio riscalda i cuori di coloro che invece di costruire la fraternità di Dio si chiudono nell’egoismo violento di chi mira a costruire il culto del falso, del chiacchiericcio e del mormorio. Questi sono i mali dell’odierno modernismo e della cultura dello scarto. E’ la preghiera che rompe il muro della discordia e riapre il cuore all’orizzonte di relazioni belle, buone e vere.

Elisabetta è l’immagine delle molte donne del nostro ordine che ci hanno donato l’esempio di fedeltà a Dio, di servizio silente alla Chiesa e di obbedienza, cioè ascolto, della Parola che sana, rimargina e profuma di vita le nostre povere esistenze. Il mio pensiero va a queste donne, che non più giovanissime, sono il nervo portante della testimonianza di una incrollabile fede. A loro va il nostro grazie e la nostra riconoscenza infinita.

Elisabetta è la donna della possibilità di Dio, che ci presenta la strada di cambiare qui, ora ed oggi perché possa risplendere il fulgore della carità nelle nostre relazioni, nelle nostre vite e le nostre fraternità ritornando ad essere cenacolo di bene e di pace.
Elisabetta è la donna che si fa preghiera in cui risplende della luce della santità. Nella testimonianza di fede dei santi di Dio la Chiesa si apre alla fecondità con la forza creatrice dello Spirito.

In questo giorno, in cui molti rinnovano la promessa ed alcuni la pronunciano davanti a Dio e alla Chiesa per la prima volta, possa risplendere nel nostro cuore la stella luminosa della vita di Elisabetta affinché Dio possa ridonare la freschezza della sua fede ad ogni nostro sì per Lui con Lui e in Lui.
Affido con tutto il cuore a Sant’Elisabetta la voglia di ognuno di noi di riprendere la strada del Vangelo avvolgendo di speranza ogni vita che abbracceremo nel nome del Signore.
Evviva Sant’Elisabetta!
Vi abbraccio nella pace e nel bene!

Il ministro regionale OFS Lazio

Roberto Luzi

 LETTERA per sant’elisabetta 2018